mercoledì 11 aprile 2018

Via delle fontane

Teo sul 1° tiro.
Alla partenza del 2° tiro.
Teo all'imbocco del camino del 5° tiro.
Sul 5° tiro.
Mandrea - Valle del Sarca
Parete E


Dopo la via di sabato, il giorno dopo la testa è tutta all'appuntamento solito con gli Aufguss. Nell'attesa, ripeschiamo la prima via aperta a Mandrea, nel lontano 1975, ma solo per uscirne non particolarmente entusiasti e correre in sauna senza nemmeno pranzare. Accade raramente, ma anche la Valle può regalare un po' di delusione.
Accesso: da Arco di Trento seguire le indicazioni per Laghel. La strada sale seguendo le pareti della Rupe Secca e giunge ad un bivio con una chiesetta bianca. Da qui si prende la strada che sale ripida a sinistra che diviene sterrata. Si supera una prima curva ad angolo retto sulla destra e poco dopo, in corrispondenza di una seconda, si notano sulla sinistra un crocefisso ed una fontana. Si lascia l'auto sulla curva o pochi metri prima e si prende la stradina sulla sinistra, superando un tornante e raggiungendo una piccola costruzione in cemento relativa ai lavori per l'acquedotto. Poco dopo si prende una vaga traccia verso sinistra (bollo rosso un po' sbiadito in alto) che porta alla parete, all'attacco della via Ridi pagliaccio (targhetta). Appena a destra si nota il diedro di partenza in corrispondenza di pilastrini staccati.
Relazione: via di interesse soprattutto storico, con linea elegante ma con due tiri che si superano in A0 (alcuni passi su chiodi decisamente vetusti) ed i due finali su roccia non proprio invidiabile. Se poi come me non siete particolarmente amanti dei camini, capirete come questa via non rientri tra le mie preferite della Valle. Chiodatura ottima ma datata nei tratti in A0, più scarsa altrove. Portare friend medi per integrare, anche se ci vorrebbe un friend grande se proprio volete proteggere i primi passi della fessura del 3° tiro.
1° tiro: salire il diedro e traversare lungo la cengia a sinistra su roccia non proprio ottima fino ad un secondo diedro. Salirlo e spostarsi ancora a sinistra alla sosta. 35m, IV, V; quattro cordoni su sasso incastrato. Sosta su albero con cordoni e maglia-rapida.
2° tiro: spostarsi a sinistra e risalire il muro (passi in A0 su chiodi non proprio ottimi...) fino ad uscire su una placca che si sale spostandosi a destra poco prima di raggiungere una sosta intermedia. Da qui si prosegue ancora fino alla cengia di sosta. 30m, A0, V+; uno spit ballerino, nove chiodi (più due vicini), tre cordoni in clessidra, una sosta intermedia su due chiodi e cordoni dopo circa 20m. Sosta su albero con cordoni.
3° tiro: salire la larga fessura e raggiungere la parete leggermente strapiombante all'altezza di un vago diedro. Risalire la parete (passi in A0) fino ad infilarsi in una spaccatura dove si trova la sosta. 30m, V+, A0; quattro chiodi, due cordoni su sasso incastrato, cinque-sei chiodi a pressione, una sosta intermedia su due chiodi e cordini dopo circa 20m. Sosta su un chiodo e cordone su sasso incastrato.
4° tiro: salire il facile camino uscendo su una cengia ove si sosta. 20m, IV; un chiodo con cordone. Sosta su due fix con catena.
5° tiro: spostarsi a destra ed infilarsi nel viscido camino che si risale fino alla sosta. 40m, V-; un chiodo. Sosta su cordoni su sassi incastrati.
6° tiro: spostarsi a destra della sosta, salire brevemente e rientrare verso sinistra nel camino (roccia all'inizio un po' delicata). Salirlo fin dove possibile, indi traversare verso destra uscendo su una cengia ove si trova la sosta. 30m, IV+, V; otto chiodi, due cordoni in clessidra. Sosta su pianta con cordoni.
7° tiro: salire sopra la sosta per facili rocce e spostarsi verso destra puntando ad un diedro, che si risale fino ad una cengia con albero dove si sosta. 40m, III, IV; un chiodo. Sosta su pianta con cordone. Presi da raptus, noi ci siamo prima spostati troppo a destra lungo la cengia, per poi salire tenendo un poco a sinistra e fermarci su un chiodo alla base del diedro quando le corde non ne volevano più sapere di venire: variante poco raccomandabile.
8° tiro: spostarsi a destra lungo la cengia fino ad un chiodo; salire la placca e continuare verso destra per rocce malsicure puntando ad un cordone, dove si esce. 35m, I, V+ (passo), III, IV+; un chiodo, tre spit (uno con cordone).
Discesa: seguire la traccia fino ad incontrare una strada che si segue verso sinistra (sud, direzione Laghel) e prendere ancora a sinistra ad un bivio più avanti (bolli bianchi e rossi su albero). Il sentiero si riporta sul versante di partenza e scende verso la strada. Tenendo ancora la sinistra ad un bivio in corrispondenza di un pilone ENEL ci si ritrova sullo sterrato ed in breve al parcheggio. 1h circa.

Nessun commento:

Posta un commento